ūüć™ Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti.

Se accetti di navigare in questo sito, acconsenti all’uso di tutti i cookie e, in particolare, per permetterci di usare cookie di profilazione per aggiornarti sulle nostre attività in maniera personalizzata.

Se vuoi saperne di pi√Ļ Clicca qui.

Makeda | ActionAid

Makeda

‚ÄúSalute, istruzione, un ambiente sano: voglio tutto questo per mia nipote‚ÄĚ.

Discarica a cielo aperto

‚ÄúQuesta discarica √® un danno enorme per noi, ma non sapevamo bene come organizzarci per parlare con la Contea e il governo‚ÄĚ.

Makeda ha 49 anni e vive a Digirikani, un piccolo paese nella contea di Mombasa. Tiene in braccio la piccola Asabi, sua nipote e ci racconta la situazione della zona.

“La discarica oramai è molto grande e ingestibile. Ci sono bambini che non vanno a scuola per la sua presenza, perché quando piove la spazzatura invade le strade e si blocca tutto.

Il cattivo odore oramai è permanente e ultimamente ci sono stati focolai di colera. Per non parlare del fatto che spesso i bambini tra i rifiuti trovano preservativi usati e li usano come palloncini senza sapere cosa hanno in mano.

Noi non volevamo la discarica qui, ma il governo ci aveva promesso che ci sarebbe stata una gestione corretta, che sarebbe stata recintata e avrebbero asfaltato le strade intorno. Non è mai accaduto. Peraltro speravamo almeno che portasse occupazione, ma non conosco nessuno che sia stato assunto lì. Fino a qualche tempo fa non avevamo piena conoscenza dei nostri diritti ambientali come comunità e questo ci ha impedito di fare le giuste richieste e pretendere che il luogo in cui viviamo sia sano.

Poi io e la mia comunità abbiamo conosciuto ActionAid. Gli operatori ci hanno spiegato quali sono i nostri diritti: salute, istruzione, un ambiente sano, come potevamo organizzarci, a quali uffici dovevamo rivolgerci per ottenere giustizia.

C’è ancora molto da fare, ma organizzarci in assemblee è stato un grande passo avanti. Ora stiamo lottando affinché la Contea si occupi del nostro paese e trovi una soluzione.

I nostri figli devono potere avere una vita migliore di quella che stiamo vivendo noi‚ÄĚ.¬†

Condividi sui social:

  • Segui il cambiamento
    Lasciaci la tua email